Blog: http://ricchiuti.ilcannocchiale.it

Call for neapolitans

Certo non sarò io a sostenere l'obbligo di prendere posizione, di schierarsi, di partecipare alla lotta scagliando contudenti proclami, "lavorando sul territorio" o "nel proprio piccolo". E' solo una possibilità che è data e chi si astrae rimane figlio di chi è figlio, non mi permetto commenti sulla professione dei genitori di chi non ha interesse per questi problemi, ritengo l'indifferenza in materia di società un diritto morale inalienabile.

Eppure mi sento spinto a chiedere ai lettori di questo blog (cioè a Cordapazza, quando passa): anche i vostri amici e conoscenti napoletani sono così infastiditi da Gomorra e da Saviano? Anche loro hanno cercato di resistere nelle maniere più contorte e bislacche al successo del suo libro e al suo contenuto? ("è una operazione commerciale", "esagera", "sono cose che si sanno", "ma questi si svegliano ora?", "ora ci tocca una nuova ondata di anticamorra...", "mica è il vietnam"...).

Come Ricchiuti.

Pubblicato il 6/5/2008 alle 13.35 nella rubrica Et in arcadia ego.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web