Blog: http://ricchiuti.ilcannocchiale.it

Ecco la sinistra Marcenaro, imparate, o borghesi, come si fa il culo ai padroni

Nb Il grassetto è fantastico. Nel caso non l'abbiate capito, come non lo avete capito abituati ai D'Avanzo e ai mattinali di questure ed intercettazioni, ai domanda risponde ed agli editing nomi-cose-frutti-fiori-città-sole-cuore-amore degli appuntati Cascione, lì vi sta dicendo che Gianni Agnelli, nel mentre decantava le Tod's, era già in fin di vita.
Andato.
--

Andrea's version

Così, mica per altro, solo per non lasciar cadere le stimolanti riflessioni di Serra e Lerner sulla destra puzzona dei Fiorani e dei Corona. E’ ripensando a quel mondo cafone che viene in mente, per contrasto, il dottor Diego Della Valle. E rivedi allora la sua pochètte, rivedi il Marlin, la barca che fu dei Kennedy e pilotata ora con maestrìa dal principe delle calzature del Piceno, rivedi la Ferrari rossa costata sette-ottocento miliardi di euro e non tanto per il prezzo, è la filante eleganza che conta. E’ la villona di Capri, è la grazia con cui ha sfilato la Fiorentina a quel bamba del Cecchi Gori, la tenacia con cui si conquistò la B, per non parlare della A, è la leggerezza che non si ostenta, è il golf di cachemire viola allacciato sulla giacca, o la leggiadria con cui lui e Luca siedono sul Corriere della Sera. E’ tutto questo. E’ l’elicottero con cui plana non allo stadio, in fabbrica, davanti ai dipendenti. E’ quella sera che l’Avvocato, da Vespa, già con l’orologio sulla fronte e la cravatta sulla schiena, mise anche le scarpine con 133 puntini sotto la suola sinistra. Più 133 sotto la destra. E per Diego fu il trionfo. E tu ti dici, come Gad e Michele: questa è la mia borghesia, che cazzo c’entra Ricucci?

(13/07/2007)

Pubblicato il 13/7/2007 alle 11.24 nella rubrica Andrea's version collection.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web