Blog: http://ricchiuti.ilcannocchiale.it

Morte di un giornalettista- Cap. 4, Le tentazioni del signor Antonio

Le tentazioni del signor Antonio


C’è un cornuto nel Palazzo Vecchio, presso la Palestra di quartiere. Labbro tumido da boxeur sensuale più che mancato, capelli turchini con la riga morbida e ondulata, oramai è vecchio almeno quanto il Palazzo. Aveva da marito una bella moglie fertile e la ingravidò due volte, alla seconda la signora perse il ben dell’intelletto e cominciò a battere anche di giorno. Per fortuna e quieto vivere il proprietario della palestra sotto casa era davvero quel che si dice un signore. Elegante nel vestire e nell’amare spose col permesso del marito, povero, precocemente vecchio e oramai stanco di doversi preoccupare di salvare le apparenze piuttosto che la moglie da chissà quale postribolo. Era più comodo così, per tutti più sicuro. Certo a volte lui, quell’altro, esagerava e si vantava con gli amici. Ma il cornuto sapeva che prima o poi chi sarebbe morto e chi sarebbe diventata troppo vecchia per strusciare, vera o finta che poi fosse, la pazzia. Ora che sono entrambi vedovi d’amante, se ne stanno entrambi salvi, reputazione permettendo, spesso a quel balcone al fresco. Chissà chi aspettano.

Pubblicato il 26/6/2007 alle 11.33 nella rubrica Morte di un giornalettista.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web