Blog: http://ricchiuti.ilcannocchiale.it

L'orgoglio della (buona) Ragione

Uno si fa il mazzo per i diritti della Gregoraci.E poi ti tocca leggere in un forum della società civile un filino peggiore della classe politica che esprime un tale elogio paradossale della putain attraverso una moralizzazione da euroscemi dell'esibizionismo in quell'unica ed accettabile forma che alla fine conviene.Non quello dei società civilizzati che esprimono ad alta voce la loro fatua opinione alla fila alla posta.Ma quello che fa guadagno, con ironìa pure, con il promo jingle jiangle in tv.
La conoscete no, la sfilza di menate che sto per appiopparvi per porgervi i sensi della mia indignazione, "c'è un thread che è la fine del mondo per ciò che concerne nell'ordine, 1-sessismo, 2-disprezzo delle donne, 3-disprezzo di una donna, 4-moralismo da 4 soldi, ignoranza, cialtronaggine, mancanza di sense of humour
Tra l'altro non c'è stata alcuna ammissione, e che abbian avuto rapporti è stato definitivamente smentito.L'autore è un cretino di ritorno, una ragazza colpevole di cosa ? trattata come merda.E' un post sconcio, è un post bigotto, idiota, offensivo, nella migliore delle ipotesi, Lui non ha senso dell'umorismo, solo quello della tigna perchè semmai lo spot ci gioca con le note vicende.
Il cretino invece pensa sia una esaltazione di mal costume come se poi mettiam il caso uno volesse ribattere alla pari 
il direttore generale di Rai 1 
è un noto gay 
Del Noce 
dicono che Giletti lavori su Rai 1 la domenica con le famiglie 
perchè sia stato o sia tuttora l'amante di Del Noce 
scommetto dieci carrozzine a zero che per Giletti 
 non si userebbero questi santuari parolai
se c'è consenso si può 
 e poi parliamo di entertainment
 e poi cavoli 
 non si capisce perchè debbano andare avanti le donne brutte 
 vanno avanti le donne piacenti che fan lobbyng 
 chi usa la raccomandazione del prete 
 chi si scopa l'assessore 
 alla fine non si capisce dove sia lo scandalo
 il concorso ha delle regole 
 se vengon rispettate le regole chiunque può fare quel che vuole 
 nel pieno rispetto delle forme 
 posso decidere prima in base a mille motivazioni 
 posso decidere per soldi 
 per fascino 
 per tornaconto 
 etc.
 ne approfittano tutti, donne, uomini, gay 
 non c'è ricatto di genere 
 non sempre c'è una sola carina che può togliere il posto a tutti 
 molto spesso si è alla pari anche in questo 
 la dai? 
 la danno 
 si è alla pari nel darla 
 ergo son tutte pari sotto questo profilo 
 il concorso ha regole e finalità 
 la finalità dovrebbe essere quella di premiare un risultato futuribile migliore per la cattedra o l'istituto 
se non c'è alcun interesse al fine del concorso 
allora puoi davvero nominare senatore un cavallo 
altrimenti credo si agisca con maggior prudenza 
nel caso del concorso per l'Istituto di fisica molecolare o geografìa economica, probabilmente sarebbe emersa anche una componente di valutazione più attenta ai risultati 
 nel caso Gregoraci 
 nel caso Gregoraci 
 anche ci fosse stata una moral suasion 
 nessun concorso pubblico sancisce chi sarà la valletta di Pupo 
  ergo 
 la nomina è discrezionale".
Attacca il blues del feroce senso comune dal volto umano, Maestro y che me gusta chi.
E ancora blàblàblà, su e giù, vai e vieni.
Competition is competition, più intelligente perchè più bella la Gregoraci dell'utente medio scandalizzato post tv.

Pubblicato il 11/10/2006 alle 18.9 nella rubrica Cultura moderna.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web