.
Annunci online

ricchiuti


Diario


19 gennaio 2008

Certi Gregor, certi Mario e Maria non sanno di avere le ali (una fantasia entomologica)

 

Prendiamo ancora spunto dalla letteratura: in questo caso, dai personaggi letterari. Alcuni di loro mi hanno fatto compagnia al punto tale che li ritengo quasi amici miei. Credo che leggiamo romanzi non tanto per istruirci o per essere migliori quanto per potenziarci. Non possiamo conoscere che un numero insufficiente di persone, un numero limitato di città e di nazioni. La letteratura, invece, ci dà la possibilità di riempire le h, le j e le k della nostra rubrica telefonica e di piantare nuove bandierine sul mappamondo. Certo, creature come Emma Bovary, Anna Karenina e Fabrizio Del Dongo sono fatte di lettere dell’alfabeto. Nessun personaggio letterario è reale in qualche senso esteriore ma esiste all’interno di un testo formato da uno schieramento ben preciso di parole.

Facciamo l’esempio massimo: Shakespeare, l’uomo che, avendo inventato Falstaff, Lear, Prospero, Jago e Otello, ha inventato in qualche modo anche noi lettori. Noi lettori che da cinque secoli desideriamo come Romeo, impazziamo d’amore come Otello e trasformiamo in tanti Amleti i nostri enigmi.

È difficile smentire il fatto che queste creature siano il frutto di un insuperabile ordine di immagini e di retorica. Più che in ogni altro intelletto umano, di cui abbiamo congrue notizie, Shakespeare ha usato la lingua in una condizione di possibilità totale.

Ma cosa c’è dietro la lingua? Si è scritto che un poeta, per cambiare lingua, dovrebbe cambiare vita. Allo stesso modo come lettrice trovo che la vita palpiti nei cuori di Cordelia o di Lolita almeno come nei cuori di molte persone reali che conosco e che alcuni dei personaggi letterari, ripeto, riescano addirittura a darci preziose informazioni su noi stessi.

È il caso di Gregor Samsa, il commesso viaggiatore della metamorfosi kafkiana. Nonostante le apparenze, Gregor è uno dei personaggi più realistici che la letteratura ci abbia mai regalato, anche se un bel mattino si sveglia e si trova trasformato in un gigantesco insetto. Disteso sulla schiena dura come una corazza, Gregor osserva con terrore il suo ventre convesso, bruno, spartito da solchi arcuati, e si chiede cosa gli sia capitato. Ma non ci mette molto ad abituarsi al suo nuovo corpo e la nuova condizione “mostruosa” sembra quasi per lui ovvia e naturale: ne gode addirittura.

È stato Nabokov, grande esperto di farfalle, a notare che nel suo racconto Kafka ha descritto un coleottero (e non un Mistfaker, ovvero uno scarabeo stercorario, come lo chiama la domestica che alla fine lo spazza via: evidentemente né Gregor né Kafka lo avevano visto con molta chiarezza) e che dunque sotto le elitre ci dovevano essere delle piccole ali. Ecco. Il realismo di Gregor Samsa e il motivo per cui mi sta così antipatico stanno nel fatto che non si accorgerà mai di avere un paio di ali. E non è questo forse il destino di tanti uomini?

(Spunti da “L’invenzione dell’umano”, saggio su Shakespeare di Harold Bloom e le lezioni universitarie alla Cornell di Vladimir Nabokov, confluite nelle ormai introvabili, a meno che la Adelphi non ci faccia un pensierino, “Lezioni di letteratura”).




permalink | inviato da la spigolatrice il 19/1/2008 alle 13:15 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
sfoglia     dicembre        febbraio
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
Versi infamanti
Archivio
Articoli altrui
Posta
Pruderie
Sto leggendo
Heroes & villains
Anteprime
Liala
Andrea's version collection
Caro Diario
Scandal ?
Politicamente corretto
Diario Bertinotti
Cultura moderna
Operazione simpatìa
La Voce della Fogna-Rubrica di decomposizione
Vado a letto dopo Ricchiuti -rubrica di non affiliazione
Markette acchiappa click
L'ultima raffica
Dicono di lui
Appuntamento col sentimento
Dalla parte della Reazione
The Adolf Hitler dance
Spigolature quasi, non proprio, quotidiane
Morte di un giornalettista
Isn't she lovely ? Parlatene di Uic purchè ne parliate
George & Mildred
Et in arcadia ego
Dimostrazioni
L' immoralista

VAI A VEDERE

La Santa Sede
Anno Paolino-indulgenze plenarie
Radio Vaticana
Langone
Il Foglio
Lemonsound
Mario Adinolfi (La Montagna Disincantata )
Dacia Valent nuovo che avanza
Miguel Martinez
TopG, la satira del rubare le caramelle a un bambino, il divert.autentico che non dovrebbe piacerci
Msn-Gruppi
Edicola
GIORNALETTISMO
Makìa
Ciclofrenia-ricordati di leggerlo perché è bravo
Luigi Castaldi, non possiamo non dirci











CERCA