.
Annunci online

ricchiuti


Diario


21 luglio 2007

Il Frittellaro-la vera storia (lunedì 23, The Bup-capitolo finale)



Comunque andiamo in vacanza insieme in Grecia. Una sera ci spostiamo a Poros, un'isoletta lì davanti tutta locali e vita e ci fermiamo a mangiare qualcosa in un bar e io noto subito (ma che occhio ho?!) un cameriere (d’estate mi passa il classismo) molto molto carino. Che viene subito a parlarci in un inglese non brillante (il mio è terribile) e dopo aver fatto un minimo di conversazione ci dice: «più tardi un mio amico fa una festa, vi va di venire? Finisco di lavorare e andiamo». Vedi che poi io quando sono obnubilata combino sempre qualche casino? Insomma andiamo a fare un lungo giro e poi ci ritroviamo nel locale. Il cameriere ha finito, si leva il grembiulino e ci dice di aspettare il suo amico. L’amico è il frittellaro del bar. Dio mio, il frittellaro. E non è classismo. Capello lungo nero con stempiatura sulla fronte visto che aveva 40 anni, e noi 22, una razza d’oro sul petto villoso che si apre sulla camicia coi lustrini. Stivali ad agosto con 50 gradi ai piedi. Io ho un calo di pressione considerevole e guardo V. Saliamo sulla macchina e ci saliamo perché il giovine sembrava normodotato intellettualmente e perché avremmo disperso l’Unto dalle frittelle alla festa. Ci fermiamo sotto un condominio nuovo e l’Unto ci informa che dobbiamo aspettare un attimo. Poi saliamo per le scale e io inizia a dire a V. «Ma ti pare che qui possa esserci una festa? Cosa fanno, il gioco del silenzio?». E infatti la festa non c’era. Entriamo in una stanza che è una cucina piccola piccola e io penso: «Ma che gusti di merda, come si fanno ad appendere tutte ste stronzate?» che significava calendari e stampe del kamasutra e un paio di fruste. Nell’unica altra stanza in cui ci fanno gentilmente accomodare c’è solo un enorme letto a quattro piazze. Con specchio inclinato sopra.

Ora, siamo uscite entrambe vive da questa stanza, entrambe con i nostri vestiti addosso, entrambe tirando delle madonne alla nostra ingenuità, entrambe pensando: basta, la smetto coi capelli biondi. Ci siamo salvate con una estenuante trattativa. Tipo: «No, veramente (e qualche scusa)» e lui «ah, va bene, tranquille» e si spogliava. Siamo andate avanti così senza incrociare i nostri occhi, ché se l'avessimo fatto ci saremmo spaventate ancor di più, mentre così sembrava quasi un gioco, per un paio d'ore. E loro poi son stati così gentili da riaccompagnarci al porto. La favola insegna che…



permalink | inviato da il 15/6/2005 alle 10:13 |









permalink | inviato da ricchiuti il 21/7/2007 alle 10:5 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia     giugno        agosto
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
Versi infamanti
Archivio
Articoli altrui
Posta
Pruderie
Sto leggendo
Heroes & villains
Anteprime
Liala
Andrea's version collection
Caro Diario
Scandal ?
Politicamente corretto
Diario Bertinotti
Cultura moderna
Operazione simpatìa
La Voce della Fogna-Rubrica di decomposizione
Vado a letto dopo Ricchiuti -rubrica di non affiliazione
Markette acchiappa click
L'ultima raffica
Dicono di lui
Appuntamento col sentimento
Dalla parte della Reazione
The Adolf Hitler dance
Spigolature quasi, non proprio, quotidiane
Morte di un giornalettista
Isn't she lovely ? Parlatene di Uic purchè ne parliate
George & Mildred
Et in arcadia ego
Dimostrazioni
L' immoralista

VAI A VEDERE

La Santa Sede
Anno Paolino-indulgenze plenarie
Radio Vaticana
Langone
Il Foglio
Lemonsound
Mario Adinolfi (La Montagna Disincantata )
Dacia Valent nuovo che avanza
Miguel Martinez
TopG, la satira del rubare le caramelle a un bambino, il divert.autentico che non dovrebbe piacerci
Msn-Gruppi
Edicola
GIORNALETTISMO
Makìa
Ciclofrenia-ricordati di leggerlo perché è bravo
Luigi Castaldi, non possiamo non dirci











CERCA